CRAMPI, CONTRATTURE, STIRAMENTI E STRAPPI

CRAMPI

Il crampo è una contrazione involontaria ed intensa di uno o più muscoli.

La contrazione sempre piuttosto dolente, può durare da pochi secondi a diversi minuti e spesso non si presenta come evento unico e bisogno fare attenzione ai movimenti che si fanno perchè potrebbe ripresentarsi più volte (anche se con intensità minore) prima di sparire del tutto.

I muscoli maggiormente colpiti sono:

  • polpaccio
  • quadricipite
  • i flessori della gamba (bicipite femorale, semitendinoso, semimembranoso)

I crampi possono colpire anche muscoli della mano, del piede, dell'addome, della schiena.

CAUSE

Non esiste una causa unica, andiamo ad elencare le motivazioni principali che determinano la comparsa di un crampo:

  • allenamenti intensi con temperature ambientali molto elevate. Questo perchè si può andare incontro a disidratazione e perdita dei sali minerali (potassio, magnesio e calcio) con conseguente spasmo muscolare
  • esercizi anaerobi che, in un fisico non allenato, portano ad un impoverimento di ossigeno muscolare ed aumento degli scarti metabolici
  • affaticamento muscolare che si presenta quando l'esercizio è troppo intenso o se la persona non è allenata
  • carenza di stretching. Questo consente un allungamento delle fibre muscolari con conseguente miglior contrazione durante lo sforzo fisico.

Esistono poi delle cause più gravi legate ad alterazioni metaboliche, ormonali, all'uso di farmaci, ad alterazioni vascolari (arterosclerosi), a compressione delle strutture nervose o a patologie più complesse come la SLA (sclerosi laterale amiotrofica).

PREDISPOSIZIONE

Esistono delle categorie di persone maggiormente predisposte ai crampi:

  • neonati
  • persone oltre i 65 anni
  • atleti, soprattutto quelli che svolgono sport di resistenza e soprattutto se non effettuano un adeguato riscaldamento e non si idratano bene
  • anziani,A causa della riduzione della massa muscolare.

PREVENZIONE E TRATTAMENTO

Per prevenire la comparsa di crampi, bisogna cercare di svolgere costantemente attività fisica affinchè la muscolatura sia allenata ad effettuare degli sforzi.

Bisogna sempre effettuare un adeguato riscaldamento (tenendo in considerazione la temperatura esterna ed il tipo di sforzo da dover effettuare).

Bisogna idratarsi costantemente in modo che il muscolo non vada in affaticamento, ed eventualmente integrare dei sali minerali e degli amminoacidi per favorire ilò recupero muscolare.

Alla fine di ogni seduta di allenamento è importante effettuare dello stretching sia dei muscoli maggiormente predisposti ai crampi, sia si tutti quelli che sono stati sottoposti a sforzo.

Quando si presenta il crampo, bisogna:

  • metterlo in allungamento fino alla scomparsa della contrazione
  • interrompere l'attivitò che si stava svolgendo.
  • applicare calore se il muscolo è teso e contratto o ghiaccio se molto dolente.
  • applicare eventuale fasciatura contenitiva.

CONTRATTURA

La contrattura ha diversi aspetti in comune con il crampo, ma in realtà è ben diversa.

Essa è una contrazione involontaria, persistente e dolente di uno o più muscoli scheletrici e determina un rigonfiamento ed indurimento delle strutture coinvolte.

La contrattura può avvenire per fattori meccanici o metabolici e rappresenta il preavviso di un'eccessivo sforzo muscolare o di un eccessivo sovraccarico funzionale. Rappresenta quindi una difesa per il corpo, costringendo l'individuo ad interrompere l'attività.

CAUSE

La contratura rientra nel gruppo delle lesioni muscolari rappresentando il livello più lieve. Le cause possono essere così elencate:

  • scarso riscaldamento.
  • scarsa preparazione fisica.
  • svolgimento di attività a cui il fisico non è abituato.
  • sforsi troppo violenti ed intensi.
  • presenza di problemi posturali, muscolari e squilibri.

PREVENZIONE E TRATTAMENTO

Dopo aver analizzato le cause, la prevenzione la si può effettuare andando ad analizzare la presenza di eventuali squilibri posturali; effettuando un adeguato riscaldamento e cercando di preparare bene il fisico prima di effettuare sforzi eccessivi. bisogna concedersi i giusti tempi di recupero sia dopo un allenamento intenso, sia dopo periodi di malattia e stare attendi alle condizioni ambientali.

La contrattura spesso è solo sintomo di un piccolo affaticamento muscolare, facilmente risolvibile, ma potrebbe anche essere una maggior difesa fisica per una elongazione di alcune fibre. Dopo aver constatato che si è di fronte ad una semplice contrattura, il trattamento prevede:

  • riduzione dell'attività per almeno 3/7 giorni, con svolgimento di esercizi o sport in cui quella componente muscolare non sia coinvolta.
  • esercizi di stretching graduali.
  • applicazione di terapie iperemiche (tecar, ipertermia).
  • massaggi decontratturanti non eccessivamente profondi (per non incorrere in lesioni).
  • l'uso di antinfiammatori se proprio indispensabile.

STIRAMENTO MUSCOLARE

Lo stiramento o elongazione muscolare è uno sfilacciamento delle fibre muscolari. Questo è un vero e proprio danno anatomico (risolvibile) che altera il tono del muscolo. La persona avverte una sensazione di puncicapa, pugnalata, bruciore. Il dolore è piuttosto acuto e spesso accompagnato da uno spasmo di difesa del muscolo.

Annoveriamo anche la presenza di una casistica di persone che ha sintomi molto lievi che non farebbero pensare ad uno stiramento, in questi casi un?ecografia potrebbe essere risolutiva per inquadrare il problema.

CAUSE

Lo stiramento avviene principalmente tra chi pratica sport perchè sottopone i muscoli a sforzi ed allungamenti eccessivi, ma anche in molti lavori pesanti può presentarsi.

Le cause sono:

  • riscaldamento insufficiente
  • scarsa preparazione fisica.
  • movimenti violenti e rapidi.
  • svolgimento di sport che portano a traumi e stress ripetuti.
  • scorretto recupero di un infortunio precedente.
  • svolgimento errato del gesto atletico.

PREVENZIONE E TRATTAMENTO

La prevenzione si basa su:

  • effettuare un buon riscaldamento e stretching.
  • avere una preparazione fisica adatta allo sforzo che si vuole effettuare.
  • difendersi da eventi ambientali con abbigliamento adeguato.
  • prendersi il giusto riposo.
  • seguire un?alimentazione adeguata allo sport e corretta negli alimenti che si assumono.
  • correggere squilibri posturali.

Il trattamento risulta più lungo rispetto ad una contrattura, con uno stop che può arrivare alle 2-3 settimane.

I primi 3-7 giorni è meglio intervenire con:

  • riposo
  • ghiaccio
  • benda compressiva su tutto il muscolo.

Questo serve a ridurre la formazione di versamento ed a diminuire le sollecitazioni meccaniche.

Nell'arco delle 2-3 settimane di stop, il muscolo riorganizza il tessuto lesionato, formato tessuto connettivo cicatriziale che serve a ricreare continuità tra le fibre sfilacciate. In questo arco di tempo si può intervenire con terapie fisiche per aiutare il processo di recupero:

  • tecar
  • laser
  • ultrasuoni
  • lieve stretching per favorire la formazione di una cicatrice più distesa.

Lo svilgimento di massaggi può essere effetuato senza provocare dolore sulla zona della lesione.

STRAPPO MUSCOLARE

Lo strappo è la lesione più grave a livello muscolare. E' caratterizzata da una rottura delle fibre muscolari. La persona avverte una forte schicchera, con bruciore. Spesso riferiscono la sensazione che qualcuno gli abbia dato una botta o una sassata.

Lo strappo si divide in tre gradi di lesione:

  • PRIMO GRADO: la lesione è minima, massimo il 5% delle fibre. C'è un modesto fastidio e la persone riesce a svolgere tutte le attività senza troppo dolore.
  • SECONDO GRADO: la lesione prende più fibre determinando maggiore dolenzia nella persona. Ci può essere un evidente versamento, il muscolo è molto teso e dolente al tatto. C'è una riduzione nella capacità di allungamento e di sforzo.
  • TERZO GRADO: la lesione coinvolge tante fibre al punto che si presenta una impotenza funzionale. La persona deve immobilizzare la parte ed il dolore si presenta anche a riposo. i tempi di recupero sono molto lunghi e si può incorrere in un intervento chirurgico.

CAUSE

Le cause di uno strappo sono simili a quelle di uno stiramento però con conseguenze maggiori:

  • scarso allenamento.
  • scarso riscaldamento.
  • movimenti bruschi e violenti.
  • errato svolgimento del gesto atletico.
  • contrasto con un avversario.
  • uso di abbigliamento non idoneo.

PREVENZIONE E TRATTAMENTO

La prevenzione si effettua evitando di fare ciò che è elencato nelle cause.

Lo strappo può portare ad una alterazione funzionale con immobilizzazione della parte.

La terapia prevede un'iniziale fase di ghiaccio, riposo e fasciatura di contenimento.

quello che cambia rispetto allo stiramento sono i tempi di recupero, simili nel caso di lesioni lievi, molto più lunghi nel caso di lesioni gravi.

I tempi di pieno recupero prima di tornare all'attività vanno dalle 2-3 settimane, nei casi più lievi, ai 2-3 mesi nei casi più gravi. Bisogna sempre calcolare che rispetto allo stiramento, dove il ritorno nel pieno dell'attività è piuttosto rapido, lo strappo prevede dei tempi di recupero più graduali per evitare recidive.

Le terapie fisiche prevedono l'applicazione di :

  • tecar.
  • laser.
  • ultrasuoni.
  • crioterapia.
  • massoterapia lieve.

Ultimamente per facilitare il recupero si possono effetuare delle infiltrazioni di acido ialuronico o PRP (plasma ricco di piastrine) direttamente sulla zona della lesione.

Contatti

Sede
Via Valdinievole 107, 00141 Roma
Telefono
06/97602818
Mobile
3497144086 / 3208472355
Email

Orari

Lun - Ven
09:00 - 20:00
Sab
09:00 - 13:00
Dom
Chiuso